Firmware Galaxy S: tutto quello che c’è da sapere


Firmware Galaxy S: tutto quello che c'è da sapereQuando si è alle prime armi, sono molteplici i dubbi che sovvengono quando si prova a effettuare qualche “modifica” al proprio terminale. Da proprietario del Galaxy S, sono consapevole delle tante incertezze per i neofiti quando si parla di firmware e relative installazioni. Ho deciso, in questo articolo, di dare qualche delucidazione sull’ argomento sperando che voi lettori ne possiate trarre vantaggio.

Inizio con una premessa: non esiste un metodo preciso di installazione per tutti i firmware, di conseguenza le procedure cambiano a seconda del firmware che si decide di installare. Una volta apprese le metodologie e le caratteristiche di queste procedure, il flash del firmware per voi sarà un gioco da ragazzi.

Ci sono varie tecniche per aggiornare il proprio Galaxy S a firmware non usciti in Italia, così come è possibile utilizzare metodi alternativi all’ aggiornamento tramite Kies per gli aggiornamenti ufficiali. Per quanto mi riguarda, utilizzo un software chiamato Odin e, probabilmente, è il più semplice da utilizzare in questo contesto. Potete scaricare Odin da qui. (Registrarsi su XDA non fa mai male in questi casi).

Una volta equipaggiati con Odin, dobbiamo decidere quale firmware flashare sul nostro dispositivo. Per avere un’ idea più concreta di ciò che sto dicendo vi consiglio di effettuare un’ ulteriore registrazione sul sito samfirmware, ossia dove potete rimanere aggiornati sugli ultimi firmware rilasciati per il vostro Galaxy. Una volta registrati ed entrati nella sezione Android, basterà trovare il vostro smartphone e cliccarci sopra per visualizzare la lista dei firmware disponibili; a voi interessa la lista Europe e, fortunatamente, la tabella è abbastanza sinottica per facilitare l’ orientamento dell’ utente. Trovate il firmware da voi scelto e cliccate su download!

Ora arriviamo alla parte tecnica. Una volta aperto Odin vi ritroverete davanti una schermata di cui, probabilmente, non comprenderete appieno tutte le voci visualizzate. Analizziamole insieme:

  • PDA: in parole semplici è il firmware che andrete a installare
  • PHONE: è la parte telefonica
  • CSC e PIT: sono due voci da associare al firmware che andrete a installare, a volte non vi è bisogno di inserirle.

Alcuni firmware richiedono il file PIT associato, così come il file CSC e PHONE. Per altri invece basterà inserire il file PDA. Come ho già detto a inizio articolo vi sono procedure diverse in base al firmware che andate a installare. Io uso il firmware JPY sul mio Galaxy (Froyo 2.2.1) e, al momento dell’ installazione, ecco come bisogna impostare Odin:

Odin Galaxy S

Cliccate sull' immagine per ingrandire

Come potete vedere, bisognerà spuntare la voce PDA, inserire l’ archivio .tar (è quello che scaricherete da SamFirmware), spuntare Auto Reboot e F. Reset Time, mentre non bisogna assolutamente toccare Re-Partition. Una volta collegato il Galaxy S via USB in modalità Download Mode (tasto accensione+volume giù+tasto Home) vi apparirà una barra gialla in Odin, allora sarete pronti per cliccare su Start.

Se, al momento del download del firmware, una volta scompattato l’ archivio vi ritroverete con 3 file, ecco come bisognerà impostare Odin:

Firmware Galaxy S: tutto quello che c'è da sapere

Cliccate sull' immagine per ingrandire

Su samfirmware trovate anche il download dei vari PIT da associare. Questa guida è stata redatta solo a scopo informativo per iniziarvi a quello che è il vasto mondo del modding. Nelle prossime guide vi illustreremo dettagliatamente come effettuare il flash del firmware e molto altro ancora!

Lo ShikaBlog non si assume alcuna responsabilità per l’ uso non corretto delle informazioni soprascritte, le quali potrebbero causare danni anche irreparabili al proprio terminale. Pertanto vi invitiamo, prima di effettuare qualunque operazione, a leggere ogni passo con minuziosa attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *