Galaxy S: installare Gingerbread e custom kernel con root e lagfix


Galaxy S: installare Gingerbread e custom kernel con root e lagfix

In attesa del rilascio ufficiale di Gingerbread via Kies per i Samsung Galaxy S italiani noi dello ShikaBlog non possiamo far altro che darvi qualche dritta per permettervi di accelerare i tempi se l’ attesa non fa per voi. In questa guida vedremo in pochi e semplici passi come installare Gingerbread sul proprio terminale e, in aggiunta, un custom kernel dal quale ottenere i permessi di root ed effettuare il lagfix. Iniziamo con ordine:

Iniziamo con ordine: la prima cosa di cui avrete bisogno è il firmware JVB (Android 2.3.3 Gingerbread), che potete scaricare da samfirmware. Scoprirete che ci sono 3 file che potrete scaricare, io vi consiglio di scaricare il file che non richiede PIT, in questo modo per installare il firmware vi basterà seguire le medesime indicazioni che trovate in questa guida fatta per il firmware JPY e il gioco è fatto. Ricordate di effettuare i due wipe prima del flash e, se voleste, effettuate anche il backup delle applicazioni e relativi dati (vi rimando alla guida sull’ argomento).

Per quanto riguarda il custom kernel, io ho provato questo qui. Una volta scaricato da XDA, il primo passo da fare è quello di aprire Odin, dopodiché accendete il vostro terminale in download mode (tasto volume giù+Power+Menù) e collegate il terminale via USB. Quando Odin lo riconosce, vi basterà spuntare Auto RebootF. Reset Time (Non spuntate Re-partition). Infine spuntate PDA e inserite l’ archivio .tar nella medesima voce. Cliccate su Start e in men che non si dica avrete il kernel installato sul vostro Galaxy S.

Potete direttamente scaricare l’ applicazione superuser dal market per quanto riguarda i permessi di root. Il lagfix potete effettuarlo da recovery e controllare il suo stato con Voodoo Control. Una piccola precisazione prima di concludere: nel caso vogliate effettuare il ripristino delle applicazioni, c’è la possibilità che Titanium non funzioni per via della mancanza di busybox. Potete ovviare al problema installando l’ applicazione BusyBox dal market, con la quale potrete installare busybox sul vostro Galaxy S. Per dubbi o chiarimenti commentate l’ articolo 😉

1 Comment

  1. 7 aprile 2019 at 06:48 | Permalink

    Excellent web site. Lots of useful info here. I’m sending
    it to a few buddies ans also sharing in delicious.
    And naturally, thanks in your effort!

1 Trackback

  1. upnews.it on 29 aprile 2011 at 17:10

Rispondi a Latest Technology News Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *