Google presenta “ Noi L’Aquila”


l'aquila

Google ha voluto dare una dimostrazione di grande umanità, sopratutto è voluto arrivare ai cuori delle persone attraverso il concetto di community che spesso viene percepito in maniera confusa, dove qualcuno si identifica con qualcosa di diverso o indossando una maschera per nascondere la realtà. In questo caso non esiste alcuna maschera e le persone hanno la possibilità di essere loro stesse e di partecipare al progetto con umiltà ma sopratutto con grandi valori, quelli che L’Aquila non ha mai perduto.

E’ datato 14 giugno il progetto “Noi L’Aquila” e Google ne è il promotore, capace di mettere in risalto uno degli aspetti fondamentali de L’Aquila, ovvero, l’aspetto storico, culturale ed artistico di una città che si rinnova dopo il terremoto del 2009.

E’ la tecnologia a scrivere le pagine piu’ importanti di questo progetto che incontra la gente. Google mette a disposizione di ognuno strumenti d’avanguardia, tecnologie in grado di ricreare 3D, quello che L’Aquila rappresenta ma soprattutto rappresenterà in futuro: arte, storia e cultura, raccontata dai suoi cittadini e da tutta le gente che, per non dimenticare, è invita a condividere foto,immagini, racconti, pensieri che si possano tramandare e conservare come patrimonio storico di un Paese che diventa nuovo ma solo nell’aspetto.

Si tratta di un progetto internazionale rivolto a tutti i Paesi che vogliono portare a L’Aquila il loro contributo di solidarietà. E’ possibile infatti usufruire della piattaforma virtuale power by Google, per raccontare il passato de L’Aquila ma soprattutto per partecipare al presente, testimoniando con fotografie e video le origini della città, la storia, la cultura, le usanze, l’arte,l’architettura, fino ad arrivare a “toccare con mano” i pensieri della gente.
I piu’ esperti possono cimentarsi con Google Sketch Up e Goole Buiding Marker della città, mentre è anche da sottolineare la collaborazione con Google delle comunità locali e delle autorità cittadine, a sostegno del progetto.


Tanti sono gli obiettivi in questa fase, in primis, “non dimenticare L’Aquila”, sostenere il patrimonio storico della città in modo che possa essere tramandato di generazione in generazione e coinvolgere la comunità web, in modo che attraverso il concetto virtuale, si arrivi ad avere una chiara idea sulla rinascita della città. Tutto questo, lo diciamo e lo ricordiamo, non è a scopo di lucro, ma gratis.

Proprio grazie alle immagini, ai video, si vuole dare una “scossa” anche a quella ricchezza che è il turismo, si invitano tutte le persone a ritornare a L’Aquila senza paura, senza reticenza, Google vuole infatti dire che “l’Aquila c’è”, e c’è adesso con la tutta la forza della gente che non ha mai smesso di dare il proprio contributo e che ora nello specifico sostiene il progetto.
Al centro della città è stata allestita una struttura dotata di schermi LCD e di postazioni computer per offrire a tutti quanti la possibilità di portare testimonianza e tributi alla storia de L’Aquila, quella che non smette mai di raccontarci e raccontarsi.

No Comments Yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *