Modificare Temi WordPress: nozioni base


Modificare Temi WordPress: nozioni base

Una premessa: in questo articolo non impareremo a modificare Temi WordPress, ma ci occuperemo delle nozioni base necessarie affinché modificare un tema realizzato per questo CMS diventi un’ azione abbordabile a tutti. Se avete usato WordPress a livello amministrativo, sarete sicuramente a conoscenza della moltitudine di temi disponibili per questa piattaforma, alcuni di questi sono gratuiti, altri invece no (per maggiori informazioni leggete questo articolo).

Molti dei temi messi a disposizione dell’ utente sono dotati di un pannello di controllo tramite il quale è possibile modificare alcune impostazioni dello stesso. I parametri che l’ utente WordPress può modificare non sono sempre gli stessi, difatti ogni tema si contraddistingue anche per questo e non tutti mettono a disposizione ampie possibilità di personalizzazione.

Nella maggior parte dei casi (a me è successo) capita di trovarsi davanti sempre qualcosa che non va. Difficilmente raggiungerete la perfezione lavorando solo con le impostazioni di modifica che il tema mette a disposizione per quanto bello questo possa essere. Come ampliare allora le proprie possibilità? Vi è, purtroppo, una sola cosa da fare in questi casi, non accessibile a tutti. Modificare direttamente il codice del tema.

Quali sono le nozioni che vi occorrono per poterlo fare? Conoscere come le proprie tasche PHP, CSS e HTML sarebbe una perfetta soluzione, ma in alcuni casi si potrebbe fare in meno anche della conoscenza del PHP. Per chi non lo sapesse, i suddetti acronimi sono dei linguaggi usati nel mondo del webdesign, destinati principalmente allo sviluppo di siti web e non solo.

Facciamo ora una piccola prova pratica prendendo d’ esempio ShikaBlog. Guardate per un attimo l’ homepage dello ShikaBlog, sotto il banner pubblicitario verticale troverete il widget “commenti recenti“, niente di strano a primo acchito ma è proprio qui che ho riscontrato il primo difetto del tema utilizzato. Difatti la visualizzazione dei widget non è proprio “perfetta”. L’ immagine qui di seguito vi aiuterà a capire.

Modificare Temi WordPress: nozioni base

Clicca sull' immagine per ingrandire

Niente di eccessivamente anomalo certo, ma per i più pignoli (me compreso) l’ allineamento dei widget era cosa essenziale nel blog. Cosa ho fatto allora? Niente di più semplice, mi è bastato creare una classe al file .css del tema:

.spacehome {padding-top: 5px}

e infine un div nel widget di testo contenente il banner pubblicitario:

<div class=”spacehome”></div>

Non fatevi ingannare, il tutto è si una semplicità pazzesca e ve ne accorgerete una volta iniziato a studiare questi linguaggi (in questo caso non ho toccato minimamente il codice php della pagina). Naturalmente per giungere al risultato vi sono altri metodi, strade diverse con la stessa destinazione.

Visto che ci siamo, vi annuncio che nei prossimi giorni vedremo di iniziare a redigere le prime guide riguardanti l’ utilizzo di questi linguaggi. Un consiglio fin da ora: se avete l’ intenzione di mettervi a studiare per apprendere questi linguaggi, fatelo con passione, non vi fermate alla teoria e fate moltissima pratica. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *